Mika da vittima dei bulli a star. Mi prendevano in giro, dicevano che ero “Gay”. Odiavo la scuola, mi sono rifugiato nella musica.

Mika, nome d’arte di Michael Holbrook Penniman Jr., da giovane frequenta le scuole più prestigiose nella capitale britannica, ma sono anni cupi. Michael cresce dislessico e pieno di paure, anche a causa del bullismo subito dai compagni.
«Da ragazzino ero grassoccio e avevo i capelli lunghi. Per i miei coetanei avevo i fianchi di una donna incinta. E dicevano che ero gay». Ma invece che soccombere sotto quelle vessazioni, il piccolo Michael tira fuori la rabbia.
«Odiavo la scuola e mi veniva il vomito ogni volta che attraversavo il cortile per andare in classe. Dovevo trovare un modo per scappare. Altrimenti avrei fatto una brutta fine». È così che Michael comincia a pensare in note.
«Mia madre capì che un’educazione tradizionale non era adatta a me. E mi ha fatto intraprendere studi musicali.». Piano piano, Michael sboccia.
Il talento è lì, pronto a farsi scoprire. I lineamenti si affinano: addio brutto anatroccolo, benvenuto principe azzurro. Nel 2006 arriva la consacrazione: la discografia internazionale si accorge delle performance di questo ragazzo caricate sul suo profilo su un social network molto più gettonato di Facebook, e lo tira fuori dall’anonimato: è il boom con Grace Kelly, il suo primo singolo.
“La voce di Freddy Mercury in un corpo da ballerino”, titolano i giornali di tutto il mondo. Mika con la sua voce e con la sua personalità, aveva conquistato tantissimi fan in tutto il mondo!
Popular Song, brano tratto dal suo terzo album “The Origin of Love”, cantato con Ariana Grande, è un testo contro il bullismo, proprio all’interno del testo e del video che è racchiuso il messaggio della canzone, un incoraggiamento a coloro che sono vittime di atti di bullismo, a resistere e a ottenere la propria vendetta con il tempo, dimostrando che non è attraverso la prevaricazione che si dimostra la propria grandezza.
Qual è l’arma per combatterlo? “E’ una crudeltà. Credo che bisognerebbe insegnare alla gente la potenza dell’alchimia tra l’individualità e la leggerezza, quest’ultima è una componente fondamentale per la vita. Se si impara questo allora potremo dire di aver conquistato un biglietto per la libertà.”
The following two tabs change content below.
Questo sito è dedicato ai bambini, agli adolescenti e ai genitori. Se ti piace, seguici sui nostri social e unisciti a noi 🙂
Leggi anche:  Legge sul Cyberbullismo

Ultimi post di No Bullismo (vedi tutti)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*