Testimonianza di bullismo. Non chiudiamo più gli occhi.

Questa storia ci è arrivata via mail e la pubblichiamo sul nostro blog perché si possa riflettere sul bullismo e su quanto alcune volte siano le stesse persone che dovrebbero educare i giovani a far finta di non vedere.

#NONSTIAMOZITTI MA SOPRATTUTTO #NONCHIUDIAMOGLIOCCHI DI FRONTE AL BULLISMO!

UNA TESTIMONIANZA DI BULLISMO A SCUOLA

Avevo tredici anni e frequentavo la terza media. Eravamo una piccola classe, composta da circa 15 alunni, circa metà e metà maschi e femmine. I docenti erano praticamente tutte donne, quindi le ragazze la facevano da padrone, tant’è vero che non venivano nemmeno sfiorate dai problemi che racconterò…

In classe c’era un ripetente di un anno in più, un ragazzo grande, grosso e dotato
di una certa cattiveria innata (a volte è un “dono”).

C’era anche, ahimè, un pluriripetente di circa 17 anni che in pratica era il padrone della
scuola. Per completare il quadro costui raccontava che aveva un fratello maggiore cattivissimo,

pronto a malmenare duramente chiunque avesse disturbato od ostacolato il fratellino.

Bene, pensate questi due insieme e immaginate la situazione che si era creata…
In pratica anche le docenti li temevano e cercavano di limitare al massimo i richiami,
sia come frequenza, facendo spesso finta di “non vedere” , sia come severità,
usando dei richiami bonari e scherzosi, per non urtare i due “ragazzi”.

Vi invito a soffermarvi un attimo su quanto ho appena detto, perchè è la chiave di lettura
di tutta la situazione: in pratica il corpo docente aveva deciso di “non vedere ” ciò che
stava accedendo, per comodità, per il proprio quieto vivere, fregandosene completamente
degli eventuali danni che potevano subire i ragazzi vittime.
Ma, come ho detto, siamo nel 1971. Quindi potete immaginare…

Quindi questi due “ragazzi” spadroneggiavano con scherzi, angherie e prepotenze varie,
sotto gli occhi semichiusi delle docenti e il sorrisetto divertito delle ragazze,
per le quali tutto ciò era soltanto un film divertente.

Io e altri ragazzi eravamo le vittime, oggi uno, domani un altro, giorno dopo giorno,
mese dopo mese.

Poi, un giorno, arriva un compito in classe.
Avevamo tutti sul banco l’astuccio con penne, matite ecc.
A questi due viene l’idea di prendere il mio astuccio, durante il compito in classe, e di
lanciarselo da un banco all’altro.
Io, per prima cosa, mi giro verso il banco della prof per vedere se dice qualcosa: NIENTE!
Lei ha gli occhi bassi, sta leggendo, e “non vede” ciò che sta accadendo.
Allora, stando seduto, mi giro e chiedo di restituirmi l’astuccio: figurati!
Anzi, cominciano a fioccare le risatine,
sempre con il silenzio-assenso della prof e durante il compito in classe!!

Allora io, esasperato, mi alzo e cerco di riprendermi l’astuccio. Ma i bulli mi
evitano e se lo lanciano da un banco all’altro, sempre con contorno di risatine.

A quel punto la prof finalmente si sveglia e che fa? Semplice: “non vede” quelli
che si stanno lanciando l’astuccio, vede solo me e mi riprende perché mi sono
alzato dal banco!!!!

Bene, quello è stato il momento del mio riscatto. Perché in quel momento
io ho deciso di reagire, costi quel che costi; ho deciso che nessuno
mi avrebbe mai più messo i piedi in testa; ho deciso che avrei combattuto
sempre, fino all’ultimo per ciò che è giusto e mio di diritto.

Vi racconto com’è andata a finire, che è ancora più istruttivo:

Quando la prof riprese solo me, fingendo di non vedere gli altri, io persi
completamente le staffe e la apostrofai in malo modo e a voce alta,
rimproverandola di essere un’ ipocrita che vedeva solo ciò che le faceva comodo.
Urlavo tanto forte che mi avrebbero potuto sentire anche dal corridoio.

Lei divenne paonazza, ma disse solo: “xxxxxxx esci dalla classe.”
Al che io Le risposi: “Ma può stare sicura che esco da qua dentro!”
E uscii nel corridoio, nel silenzio di gelo che si era creato tra i banchi.

Poi una volta nel corridoio mi calmai e cominciai a riflettere sull’accaduto.
Temevo che mi avrebbe chiamato il preside e che mi avrebbero cacciato
dalla scuola. E adesso chi lo sentiva mio padre?

INVECE NON ACCADDE NULLA. PERCHÉ’ LA DOCENTE SAPEVA CHE SE ANDAVAMO
ALLE STRETTE CI SAREBBE STATA UNA VERIFICA ANCHE SUL SUO COMPORTAMENTO.

E difatti man mano che passavano i giorni non accadeva nulla, fino a che l’anno
scolastico non finì ed io lasciai quel posto triste.
Ma la mia vita era cambiata. Io ero cambiato.
Da quel giorno era cominciata una vita nuova, diversa, senza paura.

Pochi mesi dopo mi iscrissi ad una palestra di pugilato, che frequentai fino a 19 anni.
Vorrei concludere con un messaggio rivolto a tutti coloro che stanno soffrendo
per il bullismo: reagite! Non permettete a nessuno di approfittarsi di voi,
in nessuna maniera.
I bulli hanno sempre un punto debole!
Ricordate che loro vi studiano prima di colpirvi.
Voi dovete studiare loro, i loro punti deboli e colpirli a vostra volta.
Usate l’intelligenza. E non abbiate paura a parlare, non fate come me che mi tenevo tutto dentro.

The following two tabs change content below.
Questo sito è dedicato ai bambini, agli adolescenti e ai genitori. Se ti piace, seguici sui nostri social e unisciti a noi 🙂

Ultimi post di No Bullismo (vedi tutti)

No Bullismo

Questo sito è dedicato ai bambini, agli adolescenti e ai genitori. Se ti piace, seguici sui nostri social e unisciti a noi :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*