Bullismo, due amici di 11 e 14 anni si tolgono la vita.

0


Dopo solo sei giorni dalla morte del suo migliore amico Lamar di 14 anni suicidatosi per essere stato vittima di ripetuti atti di bullismo, anche il piccolo Jordan Gonzales di 11 anni si è ucciso nel bagno della scuola media che entrambi frequentavano..

Il ragazzo aveva messo un biglietto sotto la porta della camera da letto della madre in cui confidava che aveva intenzione di uccidersi perché nessuno lo capiva, nessuno lo aiutava ,veniva costantemente umiliato , non voleva più continuare a vivere in questo modo.

La madre del piccolo Jordan cercò di consolarlo, e dissuaderlo dicendogli che se avesse compiuto un simile gesto lei non avrebbe potuto continuare a vivere senza di lui, aggiungendo che lo amava profondamente e che aveva bisogno di lui.

I due piccoli amici, Giordania e Lamar ,si erano conosciuti a scuola durante la pausa della mensa, i due erano gli unici newyorchesi iscritti nell’istituto che si trova in Orlando (Florida).

Lamar si era sparato con la pistola del padre dopo mesi di continui atti di prevaricazione a scuola, stanco di dover continuare a lottare contro i bulli. A un certo punto, ha dichiarato che lui non ce la faceva più. Ecco cosa aveva spinto il suo migliore amico al suicidio, aveva confidato il piccolo ad un giornalista che lo aveva intervistato.
“La prima volta che ha subito bullismo è stata quando il mio amico è stato schiaffeggiato. L’ultima quando la stessa persona ha continuato ad umiliarlo. Lui non ce l’ha fatta più, così si è ucciso”.
Dopo la morte di Lamar non passò molto tempo prima che il piccolo Jordan sentisse il peso della sua mancanza, il senso di isolamento e soprattutto l’inizio del tormento da parte degli stessi bulli che avevano provocato la morte del suo compagno di giochi.


La signora Gusaeff confida che suo figlio era diventato in pochi giorni il bersaglio dei bulli implacabili, che lo chiamavano “spione”. La donna Sostiene che una mattina i bulli conficcarono una matita nel collo di suo figlio, mentre sul bus si recava a scuola. I problemi purtroppo continuarono anche dopo che lei si recò a denunciare il fatto a scuola.
I problemi purtroppo continuarono anche dopo che lei per ben tre volte si recò a denunciare il fatto alla scuola. 

Infatti la scuola media pubblica “Seminole County” ignorarono le sue denunce, aumentando la sua frustrazione. Nel commento, ha continuato a spiegare perché ha deciso di farlo, dicendo: “Questa è la stessa lettera che la scuola ha preso alla leggera. Sto postando questo per far conoscere le difficoltà che ho avuto con quella scuola e aiutare i bambini che subiscono bullismo. Gusaeff promette di fare del suo meglio per prevenire il bullismo alla luce della morte di Lamar e l’angoscia che ha causato al figlio. Dopo la morte di suo figlio la signora Gusaeff ha promesso di combattere in ogni modo il bullismo per onorare la sua memoria e soprattutto in ricordo dall’angoscia e del dolore da lui provato.


The following two tabs change content below.
Questo sito è dedicato ai bambini, agli adolescenti e ai genitori. Se ti piace, seguici sui nostri social e unisciti a noi 🙂
Leggi anche:  Ebola, arriva anche l’emergenza bullismo nelle scuole, vittime i ragazzini africani

Ultimi post di No Bullismo (vedi tutti)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*