BAMBINA STA MALE: VISITA SVELA CHE E’ VITTIMA DI BULLISMO

CONSEGUENZE BULLISMO

Le vessazioni dei bulli a scuola avevano causato coliche psicosomatiche a una bambina, che per i continui malesseri non seguiva più regolarmente le lezioni. Dalla visita del neuropsichiatria infantile, effettuata nell’ospedale dove i genitori avevano accompagnato la piccola per i suoi ricorrenti mal di pancia, è emerso che la bambina era vittima delle continue cattiverie dei bulli. Seppur seguita dai Servizi sociali, la bambina ha continuato a non frequentare le lezioni.

Questo episodio, non di certo isolato, ma molto diffuso, conferma quanto il bullismo possa incidere gravemente e negativamente sulla salute di bambini e adolescenti, compromettendone la vita stessa.

Le aggressioni fisiche o verbali con cui devono combattere i ragazzi che hanno a che fare con il bullismo lasciano un segno non solo a livello psicologico, ma anche fisico. Le vittime hanno un rischio maggiore, rispetto ai coetanei non coinvolti, di presentare problemi quali ansia, bassa autostima, depressione e difficoltà scolastiche, che possono portare ad abbandono scolastico. Le vittime del bullismo secondo molti studi hanno un rischio doppio rispetto ai coetanei non vittimizzati di soffrire di emicrania, mal di schiena, dolori addominali, problemi della pelle, ma anche problemi del sonno, stanchezza persistente, inappetenza che sono riscontrabile anche a distanza di tempo dagli episodi di violenza subiti.

Dato che il bullismo a scuola è un fenomeno diffuso in molti paesi in tutto il mondo, dovrebbe essere considerato un significativo problema internazionale di salute pubblica, affermano gli esperti.

The following two tabs change content below.
Ciao. Sono Anna e ho creato questo blog perché è un problema che mi sta molto a cuore. Scrivetemi o aggiungetemi sui miei social network. Un bacio

Ultimi post di Anna Saggese (vedi tutti)

Anna Saggese

Ciao. Sono Anna e ho creato questo blog perché è un problema che mi sta molto a cuore. Scrivetemi o aggiungetemi sui miei social network. Un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*