Ennesima vita spezzata dal bullismo

Bullismo vittima

Contea di Sonoma, California, Usa. Un adolescente bisessuale si è suicidato dopo anni che subiva attacchi di bullismo. La sua morte ha creato un’ accesa discussione riguardo al tema del bullismo omofobico.

Adam Kizer, 16 anni, ha tentato il suicidio perché da tempo era vittima di bullismo. E’ morto sabato, dopo quattro giorni, in un ospedale.

La sua famiglia ha detto:

E ‘ il dolore peggiore che si possa immaginare. Si è impiccato quattro giorni prima e aveva tentato il suicidio già una volta, soffriva di depressione e stress post-traumatico.

Suo padre, William Kizer, ha detto che suo figlio era stato bersaglio di bullismo dalla scuola elementare, dove i bulli lo legarono e fu cosparso di benzina. L’abuso è continuato anche dopo, quando la famiglia decise di trasferirsi nella Contea di Sonoma nel 2011. Gli studenti di quella scuola se la prendevano con l’adolescente esile e debole, incoraggiandolo a togliersi la vita.

In dimostrazione di sostegno comunitario, circa 200 persone hanno partecipato ad una veglia Domenica notte.

Gli adolescenti gay, bisessuali e transgender
hanno il 30% in più probabilità di tentare il suicidio, perché il bullismo a scuola, a casa o online può portare a sentimenti estremi di disperazione. Molto spesso, i bambini non sono abbastanza maturi per capire quello che dicono può avere un effetto gravissimo sui loro compagni e spingerli a gesti estremi, come in questo caso.

The following two tabs change content below.
Ciao. Sono Anna e ho creato questo blog perché è un problema che mi sta molto a cuore. Scrivetemi o aggiungetemi sui miei social network. Un bacio

Ultimi post di Anna Saggese (vedi tutti)

Anna Saggese

Ciao. Sono Anna e ho creato questo blog perché è un problema che mi sta molto a cuore. Scrivetemi o aggiungetemi sui miei social network. Un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*